“Campania assente ma l’irpinia c’è in modo attivissimo”.  Così Luciano Pignataro, affermato giornalista, titola il suo dettagliato reportage per il “Mattino”.

Dopo la prima settimana di attività che ha visto migliaia di persone transitare per lo spazio espositivo promosso dalla Camera di Commercio di Avellino, Piazza Irpinia si prepara ad un nuovo ciclo di appuntamenti.

Oggi è il giorno di Vincenzo Salemme, uno dei testimonial che ha sposato il progetto di promozione del territorio ideato dal direttore artistico Luca Cipriano.

L’autore, attore e regista partenopeo è un fedelissimo del palcoscenico del teatro “Carlo Gesualdo” ed inaugurerà in quel di Milano il ciclo di interviste in cucina “Fuochi e fiamme” che vedrà presto ai fornelli anche gli attori Marisa Laurito e Alessandro Preziosi.

Intanto c’è chi non comprende la partecipazione delll’Irpinia all’Expo.

E’ il caso di Roberta Milano, docente di comunicazione internazionale e di web marketing nonché  blogger ed opinion leader da 19.000 seguaci su Twitter che esprime il suo disappunto così:

<<Poteva essere la Ciociaria o la Brianza, avrei avuto gli stessi dubbi…Il piccolo stand rappresenta un piccolo marchio territoriale e non ha la forza per competere in un contesto del genere. Quei pochi mq non lasciano ricordi o emozioni ed è come se rimanesse nella 20a pagina di Google: Nessuno se ne accorge>>.

Opinioni strettamente personali che, dette da un personaggio popolare sul web, rischiano di influenzare negativamente migliaia e migliaia di potenziali visitatori.

Da un altro punto di vista le sue parole potrebbero aiutarci a comparire sulla prima e non sulla ventesima pagina di un qualsiasi motore di ricerca.

Guarda il servizio andato in onda su Primativvù ch.213 e 640 DtT