Santa Rita, anche se non è la patrona di Avellino, è da sempre molto venerata in città e la devozione verso la sua figura è sentita a tal punto da far  registrare un numero sempre più alto di partecipanti alla novena ed alla processione di maggio.

I festeggiamenti per il giorno della solennità della santa sono iniziati alle 6 di questa mattina con diverse attività religiose ed un susseguirsi di messe nella chiesa di San Francesco Saverio, detta appunto “di Santa Rita”.

Alle 18 ci sarà  il momento più alto della festa religiosa con la seguitissima processione che vedrà la statua della Santa dei casi impossibili nelle strade principali del centro.

Il corteo religioso, particolarmente caro a fede e pietà popolare, anche quest’anno si snoderà tra transenne e cantieri ma non dovrebbe incontrare particolari problemi.

Il percorso, partendo da via San Francesco Saverio toccherà Via Luigi Amabile, Viale Italia, Corso Vittorio Emanuele, Via Matteotti ed i lavori di Piazza della Libertà, per arrivare attraverso  Via Duomo alla Rampa San Modestino.

Il messaggio di monsignor Antonio Dente quest’anno è dedicato all’accoglienza di stranieri, bisognosi e migranti, perchè la fede si traduca in azioni concrete di aiuto e vicinanza al prossimo.

Guarda il servizio e le interviste andate in onda su Primaivvù ch. 213-640-649